Caffè Fernanda, Pinacoteca di Brera Milano

0
87
Caffè Fernanda (ftfoto)

Il nome è un omaggio a Fernanda Wittgens- storica dell’arte di grande competenza e idealismo sociale, una direttrice museale formidabile, la prima donna in Italia a dirigere un museo statale- la quale provvide alla ricostruzione della Pinacoteca di Brera in seguito ai devastanti bombardamenti dell’agosto 1943, inaugurando il 9 giugno 1950 la “Grande Brera”.

Il 1° ottobre 2018 la Pinacoteca di Brera apre il suo primo caffè, Caffè Fernanda.
Completamente realizzato in una cornice dal design anni ’50 (in un contrasto armonico tra sedie in velluto rosa, pavimenti in marmo, pareti in blu ottanio e un grande bancone in noce e ottone); il Caffè si pone in continuità col contesto artistico-culturale del museo, costituendo propriamente l’ultima sala del percorso museale, con la visita delle opere in esposizione.

Caffè Fernanda

Caffè Fernanda

Un caffè che diventa bistrot, la cui proposta gastronomica è firmata dallo chef Filippo La Mantia.
Una cucina tradizionale siciliana, come le sue origini, esaltata da un ventaglio di erbe, spezie e odori; votata alla leggerezza ma in grado di non perdere la sua vera identità.
Un menù elegante e curato, con proposte vegetariane e vegane, attento anche alle intolleranze alimentari.

A mettere in pratica le idee culinarie del oste-cuoco, è Angela Adamo, anch’essa di origini siciliane, in squadra con lo chef dal 2015.

Un gioco di abbinamento tra arte e gusto.

Così si spiega la ricetta “Il Gusto di un quadro”, un omaggio alla celebre Pala Montefeltro di Piero della Francesca, simbolo della Pinacoteca.

"Il gusto di un quadro"

“Il gusto di un quadro”

All’uovo di struzzo che è fulcro concettuale e prospettico dell’opera si rifà l’invenzione di La Mantia: un uovo in camicia in cialda di pasta sfoglia a forma di conchiglia, su letto di bietole con salsa al caciocavallo e bergamotto.

Una cucina che si propone di dare una continuità ideale all’espressione estetica ed artistica delle opere d’arte esposte.

Via Brera 28, Milano

Se sei alla scoperta di nuovi luoghi, leggi qui.

Lascia un commento