Pasticceria Cova 1817, Milano

0
190
Pasticceria Cova 1817

Pasticceria Cova 1817, Milano.

Un locale storico

Quella della Pasticceria Cova è una storia lunga 200 anni; era il 1817 quando Antonio Cova apre il “Caffe del Giardino” al lato del Teatro alla Scala, un salottino patriottico sede di incontro dei più importanti personaggi dell’epoca.

Nel 1950 il Cova si trasferisce, distrutto dai bombardamenti del Secondo Conflitto Mondiale, verso l’attuale collocazione di Via Montenapoleone 8.

La storia della pasticceria si intreccia inesorabilmente a quella della città di Milano, divenendo ben presto meta amata e frequentata da borghesia e nobiltà; sembra che il noto scrittore Ernest Hemingway, ne fosse attivo cliente.

Un’eleganza senza tempo: lampadari di cristallo, divanetti di velluto, lo storico bancone in mogano decorato da una lastra di marmo italiano… un’atmosfera intima e raffinata; un luogo di convivialità dove la cortesia ne è baluardo.

I loro prodotti
Le ricette della tradizione vengono rispettate e interpretate in chiave innovativa: brioche, biscotti da tè, piccola pasticceria, torte classiche; e anche la pralineria con Gianduiotti, cremini e boules.

Il Panettone Cova

Il Panettone Cova

Il prodotto simbolo della pasticceria è sicuramente il Panettone; realizzato secondo la tradizione centenaria, grazie ad una lavorazione artigianale lunga più di 48 ore; così ricercato e amato che è disponibile tutto l’anno.

Cova ospita i propri clienti per la colazione, il pranzo, l’aperitivo ed eventi privati; con la possibilità di ordinare qualunque pietanza in ogni momento del giorno.

Un’esperienza unica è il momento del tè; dove il classico tè in tazza con latte o limone, viene accompagnato da un assortimento di piccoli panini, mini sandwiches, tortine e biscotti; certamente nulla da invidiare agli inglesi.

Nel 1993 il marchio Cova diviene internazionale grazie all’apertura della prima sede estera ad Hong Kong; proseguendo così nel 2013, aprendo nuove sedi in Cina, Taiwan, Emirati Arabi e nella vicina Montecarlo.

Se sei alla scoperta sempre di nuovi luoghi, leggi qui

Lascia un commento