Porsche 550 Spyder “Little Bastard”

0
61
James Dean e la sua Little Bastard

Fu l’ultima auto posseduta da James Dean, battezzata col numero 130 e il nome “Little Bastard” (piccola bastarda); la stessa auto con cui l’attore perse la vita in un tragico incidente il 30 settembre 1955 sulla Route 466. Prodotta in soli 90 esemplari, era una roadster leggera e compatta capace di raggiungere i 220 Km/h di velocità; un’auto pensata per le competizioni stradali, tanto in voga in quegli anni; un’auto di incredibili prestazioni grazie alle modifiche apportate da George Barris.
Nonostante il divieto della Warner Brothers, casa cinematografica con cui James era sotto contratto per la realizzazione del film “Il Gigante”, di partecipare alle corse, Dean partì alla volta della California per gareggiare; e pur avendo un rimorchio di appoggio, volle guidare la Little Bastard per tutto il percorso.
Nove giorni prima dalla tragica morte ritirò l’auto dalla concessionaria di fiducia, partì sgommando, e Barris disse al suo aiutante di avere un brutto presentimento.

Resti dell'incidente

Resti dell’incidente

«Sogna come se dovessi vivere per sempre. Vivi come se dovessi morire oggi».
Una citazione dello stesso Dean che sembra essere una vera e propria premonizione.

Fu definita un’auto maledetta, poichè le persone a cui sono state vendute le parti restanti della vettura, sono state coinvolte in gravi incidenti.
Barris ne acquistò i rottami, e mentre veniva caricata sul rimorchio, i sostegni si spezzarono e la 550 piombò su un povero meccanico rompendogli l’anca e una gamba. Varie parti vennero vendute, mentre la carrozzeria ed il telaio rimasero nel garage di Barris. Il motore venne acquistato da un dottore, pilota dilettante, che durante una gara perse il controllo della sua auto finendo contro un giudice e uccidendolo sul colpo. Un altro ricco collezionista, pilota per passione, uscì di strada e si ruppe una mano. Un terzo appassionato montò i semiassi posteriori sulla sua vettura, ebbe un incidente e rimase paralizzato.
La “maledizione”prosegue; un ladruncolo non ancora maggiorenne tenta di entrare nel garage di Barris per rubare qualche pezzo della Little Bastard, passando a fianco dell’auto si taglia con un pezzo di lamiera della 550, procurandosi una ferita tanto profonda che i medici non possono far altro che amputargli il braccio. Passano un paio di mesi e Barris, intimorito dalle varie disavventure, decide di concederla ad un’organizzazione, affinché questa promuovesse una campagna di sensibilizzazione contro l’alta velocità.
Di ritorno al proprietario, a Sacramento la Porsche si stacca senza motivo dal suo sostegno, rompendo l’anca di un addetto. Il camion che la trasporta viene tamponato; i portelloni del mezzo pesante si aprono e la 550 scivola in strada, uccidendo sul colpo il conducente di una terza auto. Quando la Spyder giunge finalmente in Oregon, lo stesso camion che la trasportava finisce con lo schiantarsi contro un negozio, dentro il quale per fortuna non si trovava nessuno. I rottami vennero rispediti a Barris; la 550 venne caricata su un treno, ma non giunse mai a destinazione, scomparendo nel nulla. La vettura, sulla quale è stata messa una taglia milionaria, non è stata ancora trovata.

La serie TV Supernatural, nella quinta stagione, ha dedicato un episodio proprio a quest’auto “maledetta”.

Divi di Hollywood amanti delle auto: leggi anche Spider XKSS Steve McQueen

Lascia un commento