Pasticceria Cavour 1880 – Bergamo, Città Alta

Pasticceria Cavour 1880 – Bergamo, Città Alta

La Pasticceria Cavour, una bomboniera nel cuore della città Alta di Bergamo, è annoverata nella lista dei Locali Storici d’Italia. Appartenente dal 1880 ad una famiglia piemontese (ecco spiegato il nome), era punto d’incontro di poeti bergamaschi e di molti artisti grazie alla vicinanza con il Teatro Sociale, lì a pochi passi.

Nel 1994  l’insegna fu acquistata da Vittorio Cerea, ed è proprio la stessa famiglia che se ne prende cura ancora oggi. La riapertura è avvenuta in seguito ad un rinnovamento verso uno stile più contemporaneo e aggiornato alle nuove tecnologie.

Cavour 1880 è un caffè-pasticceria dal sapore viennese, con antichi affreschi, volte e fregi di fine Ottocento. Si possono trovare proposte dolci e salate della famosa cucina di Da Vittorio, e soprattutto piccole dolcezze: mignon, monoporzioni, bon bon, biscotti, praline e confetti.

La locanda ospita al piano superiore sei camere, ognuna battezzata con il nome di un pasticcino. Questa mattina durante la mia pausa cappuccino ho proprio incontrato una coppia di signori impegnati nel check-in. La posizione è centralissima, a pochi metri da Piazza Vecchia.

Oltre che per una pausa, consiglio la pasticceria -dato il periodo di feste in arrivo- per le sue proposte cadeau, perfette da regalare: scatole di cioccolatini assortiti, marron glacé, confetture, il pack per fare il famoso pacchero Da Vittorio.

La molto cortese signora al banco (ha manifestato sinceri apprezzamenti per il mio caschetto☺️) mi ha mostrato due novità di quest’anno: degli alberi natalizi composti da una sovrapposizione di biscotti glassati e caramelle (potrebbe essere un bel centrotavola con un dolce fine), e degli alberi formati da pacchetti regalo di cioccolato, con all’interno sorprese di cioccolato. 

A breve arriveranno anche i panettoni natalizi; molti cadeaux li potete comunque acquistare online nel loro gift shop.

Pasticceria Cavour 1880 - Bergamo

Vi auguro un Buon proseguimento e vi aspetto alla prossima recensione.

 

Condividi l'articolo

76 commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *